Kachikujin Yapu / Il bestiame Umano Yapoo –

” Kachikujin Yapu ” è un romanzo di fantascienza con componenti di Body Horror giapponese. Scritto da Shozo Numa nel 1956 e poi pubblicato a intermittenza su varie riviste.

Il libro, piuttosto pesante nei temi (tortura, sottomissione, mutilazioni, schiavitù, razza) ed è una metafora di come il Giappone abbia dovuto abbassare la testa di fronte ad usi e costumi esteri.

Non fatemi scomodare Pasolini con il suo Salò o le 120 giornate di Sodoma, ma credo che il livello sia quello.

il contesto è nettamente differente: Yapoo il bestiame umano” è un dell’immediato dopo guerra giapponese e esplora dinamiche di potere, sottomissione e dominio, con particolare attenzione alle relazioni tra esseri umani e “Yapoo”, creature sottomesse e geneticamente modificate.

D’altra parte, “Salò o le 120 giornate di Sodoma” è un film che si basa sul libro del Marchese de Sade, situando l’azione in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale. Il film esplora l’abuso di potere, la corruzione e la brutalità attraverso la storia di un gruppo di fascisti che organizzano una serie di atrocità.

Entrambe le opere trattano di temi sessuali espliciti, violenza e abuso di potere, ma ognuna ha la sua ambientazione, personaggi e contesto culturale distinti. Non c’è una connessione diretta tra i due lavori, ma entrambi appartengono a un genere di esplorazione dei limiti dell’umano e dell’oscurità della psiche umana.

Shozo Numa infatti era rimasto molto scosso, dal fatto che Hirohito ha abbandonato la sua natura divina e dalla colonizzazione culturale statunitense dopo la guerra e ha voluto scriverne una critica.

Yukio Mishima ha mostrato interesse per questo lavoro e lo ha presentato a molte persone. Fu elogiato non solo da Mishima, ma anche da Tatsuhiko Shibusawa , Shuji Terayama e altri, e divenne un’opera ben nota nel mondo letterari.

E’ inedito in italia e praticamente in ogni luogo del giappone.

Trama (edulcorata)

In una notte degli anni ’60, il destino fa uno scherzo a una coppia di findanzati: Clara, una giovane tedesca di nobili origini, e Rin’ichiro, uno studioso giapponese in vacanza in Germania.

Mentre passeggiavano sotto il cielo notturno, assistono all’impensabile: lo schianto di un misterioso UFO che risplende nel buio come una stella cadente impazzita.

Dai detriti emerge una figura elegante e enigmatica, una giovane donna di nome Pauline, con uno sguardo profondo che sembra provenire da un tempo e da un luogo sconosciuto. Quella notte, il passato, il presente e il futuro si fondono in un’intreccio surreale di destini.

Pauline, sconcertata e spaesata, si trova in un’epoca che non le appartiene. Ignara del salto temporale, scambia Clara per una sua contemporanea e Rin’ichiro, con i suoi tratti asiatici, per un essere diverso, uno Yapoo, come quelli di cui aveva sentito parlare nelle leggende della sua epoca.

Ben presto, Pauline e Clara iniziano a condividere le loro storie, svelando i segreti dei loro mondi lontani. Pauline rivela di essere la rampolla di una delle più illustri famiglie del futuro, una potente dinastia che ha plasmato il destino di molte generazioni.

Attraverso la lente distorta del tempo, Pauline introduce Clara in un mondo controverso e affascinante: quello dei rapporti tra uomini e Yapoo. In questa società futura, gli Yapoo sono creature umane, ma resi sottomessi da una tecnologia avveniristica, destinati a obbedire ciecamente ai loro padroni.

Clara, dapprima titubante e confusa, viene lentamente avvolta dalla visione di Pauline. Si lascia trasportare in un vortice di emozioni contrastanti, affascinata dalla possibilità di riscrivere le regole della sua vita e della sua relazione con Rin’ichiro. Tuttavia, questa nuova dinamica non sarà priva di sfide e conflitti.

le vite di Clara, Rin’ichiro e Pauline si intrecciano in un balletto di passioni, desideri e rivoluzioni verso una spirale discendente.

Trasposizioni in altri media

Ne parlo qui, perchè ci sono tre trasposizioni a fumetti.

Una versione manga è stata creata da Shotaro Ishimori e Sugar Sato, che è deliziosamente anni 70 nel tratto. Successivamente fu pubblicato il manga per mano Tatsuya Egawa (quello di Golden Boy e Be free), ma fu interrotto a metà. Questa rappresentazione è più dettagliata rispetto alla precedente versione di Ishimori/Sato, ma ci sono anche alcuni cambiamenti, come il cambiamento dell’ambientazione originale in cui Yapuu viene castrato.

Inoltre, dal 2016, il manga “Catman Yapuu REBOOT” di Tomomi Sanjo è stato serializzato in “COMIC Kriveron” di Reidsha.

Negli anni 70 c’era stato interesse prima per un film ad animazione della Mushi (che aveva già fatto Belladonna of Sadness) poi per una produzione con attori con capitale italiano.

Alcune immagini dal manga di Shotaro Ishimori e Sugar Sato

Condividi il tuo amore
Avatar photo
Senpai Il Bestia

Manolo Macchetta legge fumetti da sempre, ma è solo con l'arrivo di Akira e della Granata Press che entra nel buco nero da cui ancora non è uscito. Senpai il bestia è il suo pet-project, dove posta il punto di vista di un GenX sui manga, Manhwa e LitRPG

Il suo blog ufficiale è https://manolo.macchetta.com

Articoli: 77

Lascia una risposta