Defiance of the Fall è troppo lento? Ecco la risposta ufficiale dell’autore

Per l’ennesima volta viene posta questa domanda su reddit, e così l’autore decide di dare la risposta finale. Risposta che tra l’altro mi trova concorde.

Questo argomento viene affrontato ogni settimana o giù di lì, e le risposte sono sempre di merda e non corrette. Quindi credo che andrò avanti e darò una spiegazione ufficiale che potrà essere linkata la prossima volta che verrà aperto un thread del genere.

Si potrebbe dire che il ritmo di Defiance of the Fall ha a che fare con i soldi, ma non nel modo in cui molti sembrano credere. Semplicemente, DotF mi ha reso finanziariamente indipendente anni fa, e da allora sono stati aggiunti milioni di dollari. Per questo motivo, sono nella fortunata posizione di non dover prendere decisioni sulla storia in base all’impatto che potrebbe avere sul mio reddito.

DotF è lento perché è così che mi piace.

DotF è diventato così perché è stato libero da vincoli o considerazioni finanziarie per molto tempo, non il contrario. Zac trova lentamente la sua strada attraverso un sistema di crescita senza limiti, scoprendo un universo in continua espansione: questo è ciò che mi piace scrivere. Se vi piace, bene. Se non vi piace, va bene lo stesso. Ci sono un sacco di belle storie dal ritmo incalzante da leggere.

Un’altra parte dell’equazione è il rapido ritmo di pubblicazione. Defiance dura poco meno di 5 anni e ha già superato i 3 milioni di parole. Viene pubblicato in 5 capitoli di 3000 parole ogni settimana. Con un tale ritmo, il tempo per condensare è molto limitato.

A partire da maggio, ho deciso di interrompere le pause e di passare a 3 capitoli a settimana. In questo modo avrò più tempo per lavorare su ogni capitolo e spero di riuscire a stringere alcune sezioni. Tuttavia, la storia rimarrà in una lenta ma costante ascesa verso l’apice, e non ho intenzione di accelerare la progressione di Zac al punto da fargli fare un intero grado in 2-3 libri.

Non so esattamente da dove venga l’idea che alcuni di noi autori rallentino le loro storie per “mungere” i lettori. Conosco la maggior parte degli autori con grandi patrimoni in questo spazio e non ho mai sentito nessuno fare qualcosa del genere. Né ho mai sentito nessun autore di LitRPG “al top” parlare delle proprie storie o del proprio mestiere in questo modo. Francamente, siete degli illusi se credete che abbiamo raggiunto la nostra posizione facendo finta di niente o trattando le storie su cui abbiamo lavorato per anni con una tale mancanza di rispetto.

Credo che questo derivi in parte da una scarsa comprensione del funzionamento finanziario del settore. Un autore di successo che rallenta intenzionalmente il ritmo della propria storia è probabilmente il peggior modo possibile per fare soldi. I primi libri delle serie sono quelli che guadagnano di più, e c’è un graduale declino per ogni libro successivo.

Se non altro, sto limitando il mio potenziale di guadagno puntando a una serie di 25-30 libri. Ma va bene così. Il mio obiettivo è finire Defiance of the Fall in un modo che mi soddisfi. Il fatto che io sia ben ricompensato per questo è solo la ciliegina sulla torta.

A titolo personale, la parte più frustrante di queste accuse è quanto poco senso abbiano dal punto di vista della storia. Voi siete talmente coinvolti nel genere da postare su questo subreddit, quindi come potete essere così ignari dei tropi? Perché dovrei rallentare la progressione di Zac attraverso i gradi quando potrei semplicemente introdurne di nuovi?

Potrei aggiungere i regni superiori/divini con una serie di nuovi gradi e sistemi, raddoppiando o triplicando la progressione in una sola mossa. In questo modo, la storia sembrerebbe “più veloce” perché i numeri aumentano più rapidamente, e otterrei anche un mucchio di punti di trama liberi su cui lavorare.

È così che si costruisce una storia infinita.

Quindi, in parole povere: DotF lento perché mi piace. Non ti piace? Allora vattene.

Condividi il tuo amore
Avatar photo
Senpai Il Bestia

Manolo Macchetta legge fumetti da sempre, ma è solo con l'arrivo di Akira e della Granata Press che entra nel buco nero da cui ancora non è uscito. Senpai il bestia è il suo pet-project, dove posta il punto di vista di un GenX sui manga, Manhwa e LitRPG

Il suo blog ufficiale è https://manolo.macchetta.com

Articoli: 77